Pubblicità - Advertisement
Il sito ufficiale di Ferdinando Camon

Ferdinando Camon


Il Super-Baby

Il Super-Baby

Il Super-Baby

Rizzoli 1991

Garzanti 2000, collana Gli Elefanti
(post-fazione di Giuliano Gramigna).

«Non riesco a mettere incinta mia moglie, è il mio problema. Chiunque abbia un altro problema, ha un problema minore di questo»: per sei anni Lino vive nell'angoscia della sterilità, finché un giorno la moglie Virginia gli comunica l'ormai insperato evento: è incinta, e insieme un impegnativo desiderio: il bambino dovrà essere un genio. Il romanzo diventa allora una sorprendente e originalissima analisi della procreazione vista dal maschio, e si traduce in un vero e proprio inno alla potenza, alla superiorità del corpo femminile. Il bambino vien portato a scuola quand'è ancora nell'utero, perché deve sentire, prima di essere uomo, le lingue dell'uomo, ascoltare un po' di musica, canzoni onomatopeiche, qualche poesia. Non importa se non comprende: basta che senta la voce dell'uomo, e impari che il mondo umano non è tuono o sibilo, ma parola. Tra sapienti digressioni, ora tragiche ora grottesche (gli esami universitari nelle facoltà umanistiche, il sadico rapporto professori-studenti, il parto in convento della badessa Fulgenzia, la coppia degli anziani coniugi Corona che inventano sempre nuove reincarnazioni del figlio morto, l'Istituto del Super-Baby, il parto in acqua, il Birth-Educator, la raccolta del seme dei Premi Nobel), la vicenda precipita verso l'imprevedibile e drammatica doppia soluzione, che riafferma con forza la priorità del sentimento sulla programmazione.

Un romanzo delicato e paradossale, sarcastico e rivelativo, che partendo dalla natalità e dal desiderio di maternità, arriva ad esaminare i miti del successo e dell'americanizzazione: il Super-Baby è il figlio del Super-Uomo nell'età del benessere. Una prova che diverte e fa meditare: forse la più chiara conferma delle grandi qualità di uno dei più interessanti scrittori italiani contemporanei.

 

«E' raro che una ristampa in edizione economica conservi una parte della forza che il libro possedeva quand'era una novità. Ancor più raro che gli anni abbiano moltiplicato questa forza, fino a trasformare la ristampa in una novità ancor più nuova che in origine. Tuttavia accade. E' il caso del romanzo Il Super-Baby di Ferdinando Camon. (...) E' la storia di una coppia italiana. Lui, figlio di un notaio, è un uomo di poco carattere. Lei, Virginia (anzi "la" Virginia), di carattere ne ha, invece, da vendere: intelligente, brillante, volitiva. Ma per quanto ogni sua iniziativa sia abbonata a sicuro successo, la Virginia si trova sempre sull'orlo della depressione. Il motivo? La mancanza di un figlio. Per sei anni la giovane coppia ci ha provato senza successo. Ma nel desiderio della donna c'è qualcosa di malato, sia pur nascosto sotto le spoglie del più sano e umano dei desideri femminili. Il guasto emerge quando lei annuncia al marito di essere incinta e di voler aderire all'Istituto del Super-Baby: una terapia nuovissima che consiste nell'educare il bambino quando ancora si trova allo stato di feto per farne un super-uomo: un genio. (...) Leggete, fate leggere Il Super-Baby. Che è, prima che un romanzo, uno straordinario saggio, pieno di acume e di giusto sarcasmo, sul caos dei nostri giorni».
Luca Doninelli
"Il Giornale", 13 dicembre 2000

Contattare il webmaster | design © 2005 A R T I F E X
© 2001-2011 Ferdinando Camon.
Ai sensi della legge 62/2001, si precisa che il presente sito non è soggetto all'obbligo dell'iscrizione nel registro della stampa, poiché è aggiornato a intervalli non regolari. Il sito è ospitato da Register