Pubblicità - Advertisement
Il sito ufficiale di Ferdinando Camon

Ferdinando Camon


Perché leggere

Chi vive, vive la propria vita. Chi legge, vive anche le vite altrui. Ma poiché una vita esiste in relazione con le altre vite, chi non legge non entra in questa relazione, e dunque non vive nemmeno la propria vita, la perde. La scrittura registra il lavoro del mondo. Chi legge libri e articoli, eredita questo lavoro, ne viene trasformato, alla fine di ogni libro o di ogni giornale è diverso da com'era all'inizio. Se qualcuno non legge libri né giornali, ignora quel lavoro, è come se il mondo lavorasse per tutti ma non per lui, l'umanità corre ma lui è fermo. La lettura permette di conoscere le civiltà altrui. Ma poiché la propria civiltà si conosce solo in relazione con le altre civiltà, chi non legge non conosce nemmeno la civiltà in cui è nato: egli è estraneo al suo tempo e alla sua gente. Un popolo non può permettersi di avere individui che non leggono. E' come avere elementi a-sociali, che frenano la storia. O individui non vaccinati, portatori di malattie. Bisogna essere vaccinati per sé e per gli altri. Perciò leggere non è soltanto un diritto, è anche un dovere. Nelle relazioni tra i popoli, la prima e più importante forma di solidarietà è dare informazioni: mai l'altro dev'essere convertito alla nostra supposta superiorità, ma sempre messo in condizioni di scegliere tra le sue informazioni e le nostre. Quando una cultura si ritiene nella fase di superiorità tale che tutte le altre culture devono apprendere da lei, per il loro bene, e lei non può apprendere da nessuna, comincia la sua decadenza.

 

Etica dello scrivere

Ci sono molti lavori per i quali un'etica va imposta o conquistata: un rapporto morale con quello che si fa, per farlo con sincerità, con adesione, con verità. Ma c'è un lavoro che ha l'etica dentro di sé, e se non ce l'ha fallisce, non comincia neppure, crolla ad ogni passo. Questo lavoro è quello dello scrivere. Scrivere non è parlare. Parlare vuol dire reagire con le parole a un fatto che accade, mentre accade. Lo scrivere richiede tempo. Il parlare reagisce subito, per provocare nell'ascoltatore una reazione immediata, e di breve vitalità. La scrittura reagisce dopo, a passioni fredde, perché vuol restare a lungo, possibilmente (è il segreto desiderio di ogni scrittore) "per sempre". Perciò chi parla bene non scrive bene, e viceversa. Sono due qualità distinte, una nega l'altra. Conosco uno scrittore che dice: "So perché scrivo: perché non sono il primo figlio". Vera o falsa che sia quest'autointerpretazione, lui vuol dire che in casa la prima risposta era riservata al primo figlio, e lui veniva dopo, e in quel dopo maturava una riposta diversa, più calma, una risposta che aveva la stabilità della forma scritta. Non tutte le forme scritte hanno la stessa durata. Per esempio (io ne sono convinto), la storia dura meno della letteratura. E questo perché la letteratura (poniamo, il romanzo) dura a prescindere dalla verità che racconta, mentre la storia, appena si dimostra che non è vera, cade. Perciò c'è una responsabilità maggiore nello scrivere pagine che durano di più. La responsabilità può essere così alta, e lo sforzo etico di reggere l'impegno così logorante, che la scrittura genera la nevrosi, scrittura e nevrosi diventano la stessa cosa. Quasi mai lo scrittore scrive in pubblico, di solito si nasconde. O nasconde quel che scrive. Tolstoj lo nascondeva dentro gli stivali, dove chi lo spiava andava a frugare non appena lui era uscito. Leonardo lo nascondeva scrivendo da destra a sinistra. Come uno che oggi, usando il computer, mette una chiave d'accesso conosciuta a lui solo. Qui c'è il concetto che l'etica dello scrivere non è mai l'etica del vivere, del vivere in quel momento, ma è la rottura dell'etica imperante, e l'instaurazione di un'etica nuova. Perciò gli scrittori di denuncia sono inaccettabili dall'etica corrente, verranno accettati più tardi, quando si sarà instaurata l'etica che loro collaborano a introdurre. Bassani ha dovuto lasciare Ferrara, Moravia non lo potevan più vedere in Ciociaria, Pasolini è finito addirittura in carcere, Volponi s'e dimesso dal posto di lavoro. Noi viviamo dentro un sistema dove tutte le forze sono in equilibrio, morale-politica-religione-scuola-arte-letteratura-informazione, la luce che illumina i passi della nostra vita viene da tutto ciò che è gia stato espresso, e che crede di essere tutto l'esprimibile: colui che si mette a scrivere esprime qualcosa di nuovo, d'inatteso, e di temibile perché rompe gli equilibri preesistenti, sicché tutto quello che c'è lavora affinché il nuovo non sia detto. Non c'è mai bisogno di un nuovo scrittore. E' lo scrittore che, scrivendo, deve creare il bisogno di sé. Lo scrittore riesce nella misura in cui crea questo bisogno. Da quel momento è un "classico". Scrivendo, comunica un'etica, un'idea di bene, la "sua" idea di bene, che è insieme estetica e morale, che durerà più in quanto estetica che in quanto morale. Questo spiega perché raramente i grandi scrittori, quando cominciano, hanno successo. Perché non sono in sintonia col gusto corrente, il gusto della massa. Una volta Majakovskij si presentò a una conferenza, salì sul palco, cominciò a parlare e fu subito applaudito. "Mi applaudono - pensò con disgusto -, dunque non dico niente di nuovo", e se n'andò. L'incrocio di un'opera col gusto della massa crea il fenomeno noto come best-seller: il best-seller è "sempre" un libro morto, perché è il risultato di un gusto all'apice della diffusione, quindi in fase morente. "Best-seller" e "libro reazionario" sono la stessa cosa. Perciò possono esistere dei manuali su come si scrive un best-seller, con l'indicazione di tutti gli ingredienti, e le relative percentuali: il best-seller deve corrispondere, non inventare, non sgarrare. E se un libro è reazionario, l'autore è reazionario. E se quell'autore, oltre ai libri, scrive articoli, saranno articoli reazionari. Un libro in sintonia col gusto presente è già un libro del passato. Perciò coloro che scelgono i libri da stampare, in una casa editrice, dovrebbero scegliere non libri che li confermano, ma libri che li smentiscono e li seppelliscono. Di tutti i lettori di manoscritti, quello che trovo piu interessante non è il mitico Bobi Bazlen, personaggio dello "Stadio di Wimbledon" di Del Giudice, che affrontava ogni nuovo testo sconosciuto ponendosi la domanda: "Risponde questo libro alla mia idea di libro?", perché voleva vivere nei libri degli altri, che dunque dovevano scrivere perché lui vivesse; domandarsi se un libro c'è o non c'è ponendosi quella domanda, significa costringere il libro a confermarci; no, preferisco l'estetica applicata dall'umile cristiano-comunista Franco Fortini, che di fronte a un manoscritto poetico di Andrea Zanzotto ebbe l'onestà di scrivere suppergiù così: "Nulla di questo libro poetico corrisponde alla nostra idea di libro e di poesia; ma è un libro poetico; e dunque alla domanda: Stamparlo sì o no?, rispondo: Stamparlo subito, purtroppo". In un certo senso, quella parte di cristianesimo-e-comunismo di Fortini che Fortini non riusciva a dire, era detto, in forme non fortiniane, nei versi di Zanzotto. Anche questa è una maniera per vivere oltre se stessi. Dunque, per scrivere. Questa unità tra vivere e scrivere fa sì che si scrive come si vive. La menzogna, l'insincerità nella scrittura è impossibile: il libro falso è quello che si chiama "un libro non-scritto". Lo vedi subito, fin dalle prime righe. L'etica nella scrittura non può essere imposta, o è naturale o non c'è. Uno studioso francese ha scritto un libro sul rapporto tra scrivere e respirare: François Bernard Michel, "Le Souffle coupé, respirer et écrire (Gallimard), per collegare l'asma di Queneau ai suoi problemi esistenziali, la tosse di Paul Valéry ai suoi gridi, l'asma di Marcel Proust alla sua ricerca mortale del senso, lo spasmo alla laringe di Mallarmé alle sue pagine bianche… La conclusione di Michel è: si scrive come si respira. Allo stesso modo noi potremmo trovare una corrispondenza tra le scritture e le nevrosi di Dante, Petrarca, Tasso, Manzoni, e via via fino a Pasolini. Sono etici perché sono autentici, e viceversa. La malattia è il prezzo dell'eticità, il costo della scrittura. Alloo stesso modo io credo che un critico fornito di buoni strumenti possa dire, leggendo una pagina di Parise, se l'ha scritta prima o dopo l'entrata in dialisi. L'entrata in dialisi corrispose ad un diverso scorrimento del sangue nelle vene, e il diverso scorrimento del sangue nelle vene gli dettava un diverso fluire delle parole nella frase, e una diversa cadenza della punteggiatura. Il senso è: scrivi come ti scorre il sangue. Poteva Parise scrivere diversamente? E' come chiedergli di essere in dialisi senza essere in dialisi. La responsabilità sta nello scrivere per come si è. Rispondere della propria scrittura vuol dire rispondere di come si è. Nel mostrare come si è. Nel consegnare quello che sai, quello che sei. Questo è etico. Poiché si vuole scrivere "per sempre", si risponde "per sempre" degli effetti della propria scrittura. Omero ne risponde ancor oggi. Consegnare quello che sei non significa consegnarsi ai contemporanei, che possono non accoglierti, bensì a coloro che verranno. Anche se non sai l'accoglienza che ti faranno. Lo scrittore che fa questo, è etico. Lo scrittore che non fa questo, non è che non sia etico, è che non è uno scrittore.

Da "La saggezza del vivere, tracce di etica", di 28 autori, a cura di Alberto Sinigaglia, Diabasis ed., marzo 2003

 

Consigli a un esordiente

Dire: "Vorrei fare lo scrittore, e pubblicare un libro che ho finito, ma non conosco editori e non so a chi mandarlo", è una contraddizione. Perché significa che colui che scrive così non vuole affatto diventare uno scrittore, non frequenta le librerie, non acquista le riviste letterarie, non sa distinguere un catalogo editoriale dagli altri, non sa a quali scrittori somiglia, chi sono i suoi possibili fratelli. Questa ignoranza è colpa sua. Non deve mandare il manoscritto a uno scrittore scelto a caso, magari perché ha scoperto il suo indirizzo, o ha letto qualche suo articolo. Fare letteratura è come dir messa: non puoi dirla in una chiesa qualsiasi, la prima che incontri, devi cercarne una della tua religione. Se un esordiente manda un manoscritto a un autore, così facendo lo sceglie come padre, e non lo può scegliere a caso: deve prima averne letto i libri, e averli sentiti come paterni. Chi vuole esordire, e ha qualche poesia o qualche racconto pronti, deve visitare il reparto riviste di una buona libreria (le Feltrinelli tengono le riviste tutte insieme, in un unico angolo; ma anche tante altre librerie lo fanno), acquistare quelle che lo interessano di più, abbonarsi a quelle che ospitano una letteratura che sente come fraterna, e mandare alla redazione qualche brano di ciò che ha scritto. Ci sono riviste apposite per gli esordienti. Non sta bene presentarsi a un editore con un'opera completamente inedita. Fa una migliore impressione mettere, in testa al libro che si presenta, una noticina che dica: "Alcuni di questi racconti (o di queste poesie) sono usciti su…", e qui indicare tre-quattro riviste serie. Non bisogna mai credere che le riviste, e gli editori, rifiutino un esordiente perché è un esordiente. In realtà, gli editori vanno sempre in cerca di un buon esordiente: scoprire un autore nuovo, che valga e che duri, è la loro massima ambizione. Se rifiutano, vuol dire che l'opera che gli è stata presentata non li convince. L'autore deve domandarsi perché. Deve anche domandarsi perché la sua opera dovrebbe essere pubblicata e letta, a cosa serve, perché uno dovrebbe spendere 12 euro per acquistarla. Più sincero è nelle risposte che si dà, più presto capirà se la scrittura è la sua strada o no.

Contattare il webmaster | design © 2005 A R T I F E X
© 2001-2011 Ferdinando Camon.
Ai sensi della legge 62/2001, si precisa che il presente sito non è soggetto all'obbligo dell'iscrizione nel registro della stampa, poiché è aggiornato a intervalli non regolari. Il sito è ospitato da Register