Pubblicità - Advertisement
Il sito ufficiale di Ferdinando Camon

Ferdinando Camon

L'Europa senza la Grecia è il Quarto Reich

Quotidiani locali del Gruppo "Espresso-Repubblica" 7 luglio 2015

 
Siamo al dunque: Grecia dentro o Grecia fuori dell’Europa? Buona parte dell’opinione pubblica tedesca è contraria alla presenza della Grecia in Europa. Il fatto è che l’Europa senza la Grecia è impensabile dal punto di vista della storia, della cultura e della civiltà, ma questa Europa con questa Grecia è impensabile dal punto di vista dell’economia. Si tratta dunque di decidere quale Europa vogliamo: l’Europa della civiltà, del pensiero, dell’arte, della storia, o l’Europa delle banche, degli affari, della produzione, dell’esportazione? È una domanda che andava posta a monte, prima dell’unificazione europea. Non dobbiamo aver paura a rispondere: coloro che han fatto l’Europa hanno commesso un sacco di errori. Non parlo dei padri fondatori, fino al nostro Spinelli, parlo dei ministri realizzatori, fino al nostro Prodi. Hanno sbagliato molto. Rivedo la faccia di Prodi, quando alla domanda sul perché avessero ammesso la Grecia rispondeva: “Ma è uno staterello piccolo, ha una dozzina di milioni di abitanti, e un bilancio ristretto, tanto male non può fare”. Si vede. Nel fare l’Europa, bisognava unire anche le culture, le civiltà, le arti, le università, le case editrici, i giornali, oltre alle banche, le aziende, le economie. Bisognava fare l’”uomo europeo”. Dire “sono europeo” doveva significare “sono figlio dela storia dell’Europa”, e in quella storia la Grecia ha una parte fondante. Invece oggi dire “sono europeo” significa soltanto “io pago in euro”. Poiché l’euro sta facendo la fortuna della Germania e la sventura di Francia Italia Spagna Grecia Portogallo, questa in cui viviamo e in cui facciamo tanta fatica a restare, non è l’Europa che con la sua civiltà e la sua storia sta europeizzando Francia Italia Spagna Grecia Germania eccetera, ma è la Germania che con la sua potenza industriale ed economica sta fagocitando l’Europa. Noi non stiamo entrando nella storia della europeizzazione, stiamo enrando nella storia della germanizzazione. In questo preciso momento, mentre sto scrivendo queste righe, la cancelliera tedesca è volata a colloquio col premier francese per decidere cosa si deve fare verso la Grecia. Ma perché deve decidere la cancelliera? Non dovrebbero decidere anche Italia e Spagna e gli altri Stati? No, evidentemente: quel che va bene per la Germania deve andar bene per tutti. Se la Grecia sarà scacciata, l’Europa sarà meno europea e più germanica. Io, italiano, mi sento europeo finché in Europa ci sono Francia, Spagna, Italia, Portogallo e Grecia. Con l’uscita di una o più d’una di queste nazioni, mi sentirò meno europeo. Per la stessa ragione io, nord-italiano, mi sento della stessa patria dei fratelli nord-italiani finché siamo tutti collegati con Roma. Se mi tolgono Roma e mi danno Mantova, quella non è la mia storia e non è la mia patria. Non mi ci riconosco. Se mi tolgono Atene e mi danno Berlino, quella non è la mia patria europea e non mi ci riconosco. Berlino è più ricca e ha più banche, ma quando io studiavo nella mia facoltà correvano libri su Atene Roma Gerusalemme, e non c’erano libri su Berlino. Vorrà pur dire qualcosa. Il Sud d’Italia fa parte dell’Italia anche se è più povero. Un’Italia senza Neàpolis e senza la Magna Grecia è il parto di una mente malata. La Grecia fa parte dell’Europa, anzi ne è la parte fondatrice. Se ha dei debiti e non riesce a pagarli, non si applica l’espulsione, che cosa ci guadagniamo noi creditori con l’espulsione? Perdiamo tutto. Si studia un sistema di dilazione del pagamento e di riduzione. Si può sempre trattare. C’è sempre un margine. In vista di una possibile espulsione, la Grecia aveva perfino combinato degli incontri con la Russia di Putin. Avremmo una Atene separata da Roma e unita con Mosca? Una mostruosità storica. Questa non è una Unione Europea. Questo è un Reich. Più esattamente, il Quarto Reich.

PS. Le email di consenso o dissenso saranno pubblicate nella sezione "Dialoghi con i lettori". Chi non vuole la pubblicazione è pregato di dichiararlo.

Contattare il webmaster | design © 2005 A R T I F E X
© 2001-2005 Ferdinando Camon.
Ai sensi della legge 62/2001, si precisa che il presente sito non è soggetto all'obbligo dell'iscrizione nel registro della stampa, poiché è aggiornato a intervalli non regolari. Il sito è ospitato da Register