Pubblicità - Advertisement
Il sito ufficiale di Ferdinando Camon

Ferdinando Camon

Basta marines, comincia l'epopea dei Seals

"La Stampa" 3 gennaio 2015
 

 
Comincia l’epopea dei seals, finisce l’epopea dei marines. Il nuovo inizio è segnato dalla scelta dei seals per catturare Bin Laden, dal film di Clint Eastwood American sniper, dal libro da cui questo film è tratto, e dal diario Io sono un’arma, arrivato in Italia da qualche giorno. L’apice dei marines era segnato dal film di Kubrick Full Metal Jacket, e dal libro da cui era tratto, Nato per uccidere. Che si debba avvertire il lettore che sono libri “veritieri”, la dice lunga sulla loro testimonianza, così super-eroica da scavalcare i limiti della credibilità. L’istruttore dei marines, il sergente maggiore Hartman, protagonista della prima parte del film di Kubrick, era fino ad oggi il simbolo dell’autorità militare indiscutibile, che ordina e va eseguita, insulta e va rispettata, senza riserve, obiezioni o ricorsi: il pubblico si divertiva a far punire dal sergente maggiore tutti gl’impuniti della storia, fino al comandante Schettino. I marines di Kubrick erano ragazzotti borghesi rinati come killers. Per rinascere come killers devono morire come borghesi, seppellire la morale ricevuta da padre madre educazione cristiana (guai se sono atei o comunisti), e sentirsi in armonia con la nuova morale dell’uccidere uccidere uccidere. Non sono i soliti soldati che difendono la patria: questo è un concetto vetero-europeo, sconfitto e scaduto. Chi uccide per difendersi è un uomo morto. Solo chi uccide per uccidere si salva. “Soldato, perché ti sei arruolato nel mio beneamato corpo?” chiede Hartman. La risposta è: “Signore, per uccidere, signore”. Uccidendo sempre di più, entri in armonia con la nuova morale del super-uomo, padrone delle vite altrui, ed essere in armonia con la nuova morale ti fa sentire innocente e ti mette voglia di cantare: appena uccisa la cecchina, i marines di Kubrick cantano la canzone dell’innocenza assoluta, quella di Topolino, la canzone dei bambini. Il problema è: diventati super-uomini, col diritto di uccidere, come potranno ridiventare uomini, e tornare a casa? La risposta è: a casa continueranno a fare i marines, secondo il motto “una volta marine, per sempre marine”. È come nel passaggio da Jekyll a Hyde: a un certo punto il passaggio a ritroso non funziona più, sei diventato l’altro e resti per sempre l’altro. Il mondo civile ti appare assurdo. Padre, madre e fratelli ti sembrano ridicoli. Devi scegliere tra i due mondi. E scegli l’altro. I marines erano la punta di lancia della storia americana fino a ieri. Oggi lo sono i seals. I seals sono inventati per combattere le nuove guerre, non convenzionali, anti-terrorismo, missioni speciali di ricognizione e protezione delle forze armate. Come la guerra che racconta Eastwood. Non è mai una vera guerra, è sempre una guerra speciale, una guerra di polizia, quella che si chiama “rastrellamento”. Nelle città, casa per casa. Devi uccidere il nemico ma non sai chi è e dov’è. Se aspetti di saperlo, è troppo tardi. Nella fretta di uccidere, può succedere che uccidi chi non c’entra niente. Allora c’è un problema: sei un soldato o un assassino? È un problema sempre immanente nella storia dei marines e soprattutto dei seals. Nell’addestramento dei seals non c’è differenza tra i due termini, il seal uccide perché è il suo dovere, e chi fa il suo dovere è sempre nel bene. Quando torna a casa, dovrà mantenere questa morale. Se ci riesce è salvo, se no è perduto. Se il motto dei marines era: “Una volta marine, per sempre marine”, il motto dei seals è: “Una volta seal, mai più uomo”.

PS. Le email di consenso o dissenso saranno pubblicate nella sezione "Dialoghi con i lettori". Chi non vuole la pubblicazione è pregato di dichiararlo.

Contattare il webmaster | design © 2005 A R T I F E X
© 2001-2005 Ferdinando Camon.
Ai sensi della legge 62/2001, si precisa che il presente sito non è soggetto all'obbligo dell'iscrizione nel registro della stampa, poiché è aggiornato a intervalli non regolari. Il sito è ospitato da Register